Non solo SUV: ora DR rilancia la sua sfida
anche attraverso la piccola DR 1.0 EV.
Una piccola elettrica che promette di essere
la perfetta alleata per circolare serenamente in città

In DR l’hanno ribattezzata “Urban Revolution”: la perfetta alleata per circolare serenamente nelle città, grandi e piccole.
Ma una vera “alleata urbana” deve avere tante, tantissime qualità. A cominciare dalle dimensioni, che in appena 3,20 metri offrono quattro posti (i due davanti davvero comodi), senza tralasciare i benefici di un’autonomia più che abbondante per l’uso a cui è destinata: 294 km nel ciclo urbano e 210 km in quello misto, con possibilità di extended range in caso di necessità.
Sfidare colossi del mercato nel segmento delle city car, per di più elettriche, è un’operazione molto coraggiosa, ai limiti dell’azzardo… ma la piccola DR 1.0 EV pare davvero avere le carte in regola per essere una perfetta compagna di vita urbana.

Il telaio della vetturetta è in alluminio ultraleggero (con traverse anticollisione ad alta resistenza) ed è rivestito da una carrozzeria in materiale composito, per un peso complessivo di 1.050 kg. soltanto. Le sospensioni anteriori sono Mac Pherson indipendenti e le posteriori a ruote indipendenti.
Il pacco batterie, che sfrutta la tecnologia ternaria di ultimissima generazione (litio-ferro-fosfato), garantisce una capacità di 31 Kwh (garanzia di 8 anni) e offre la sua energia ad un propulsore, sincrono a magneti permanenti, comodamente in grado di sprigionare una potenza di 45 Kw con una coppia di 150 Nm, che va a sfociare sulla trazione posteriore.
Tutto ciò permette una velocità massima di 120 chilometri orari e un’accelerazione da 0 a 50 in 5 secondi appena. Trattandosi di un veicolo a chiara vocazione cittadina va anche sottolineata la presenza dei sensori di parcheggio posteriori e della retrocamera, impianti che facilitano ulteriormente manovre di parcheggio già piuttosto semplici, viste le dimensioni contenute.
Infine, appaiono più che buoni i tempi di ricarica: 4 ore per la slow, con corrente a 6 Kwh, e 35 minuti per la fast con corrente fino a 40 Kwh.

Esteticamente spiccano la calandra frontale, i cerchi in lega da 15” e i fari posteriori a Led, ma va anche ricordato che la dotazione di serie è davvero ricca: climatizzatore, infotainment da 9,7” con Android Auto ed Apple CarPlay, postazione per la ricarica wireless dello smartphone e sistema keyless.

L’abitacolo è caratterizzato da finiture di qualità, a partire dalle sedute ergonomiche rivestite in tessuto, ove si segnala il sedile del conducente regolabile elettricamente.

Gli unici optional sono in realtà degli adesivi che permettono una personalizzazione estetica della piccola vettura. Si chiama allestimento POP (optional a 600 euro) nel quale spicca il numero 1 sulle fiancate ed un grande punto esclamativo sul cofano.

– lunghezza 3.2 metri
– 4 posti
– peso di 1050 kg
– capacità del pacco batterie di 31 kWh
– potenza massima di 45 kW (61 CV)
– autonomia di 294 km nel ciclo urbano WLTP
– autonomia di 210 km nel ciclo combinato WLTP
– ricarica fast da 0% a 80% in 50 minuti
– ricarica fast dal 20% all’80% in 35 minuti
– ricarica slow dal 0% all’100% in 6.5 ore
– ricarica slow dal 20% all’80% in 4 ore

Come tutte le vetture della gamma DR il prezzo è estremamente competitivo: € 26.900,00 prezzo di listino, considerando che la dotazione è già piuttosto completa e non ci sono extra da aggiungere per optional vari.
Dal listino vanno poi sottratti € 2.000 di contributo DR. Con gli attuali incentivi i prezzi finali sono gli stessi: € 19.900 con rottamazione e € 21.900 senza.
Con i futuri incentivi, annunciati per marzo dal Ministero, nel caso più vantaggioso DR 1.0 costerà € 11.150 con rottamazione e € 17.400 senza rottamazione.

La politica di “giusto prezzo” è peraltro alla base del successo crescente che DR sta ottenendo sul mercato. Un successo inconfutabile per il quale parlano i numeri: infatti, con 2.653 auto a dicembre (+ 22% su dicembre 2022) il gruppo DR (DR – EVO – Sportequipe – X) ha chiuso il 2023 con 32.657 immatricolazioni complessive in Italia, laddove nel corso del 2022 erano state 24.481. Inoltre, a questi numeri vanno aggiunte le 1.881 immatricolazioni dei pick-up (DR PK8 e EVO Cross4), per un totale di 34.532 immatricolazioni in Italia.

Prendendo in considerazione anche le vendite realizzate all’estero, soprattutto in Spagna negli ultimi mesi dell’anno, l’immatricolato complessivo di DR Automobiles Groupe arriva a 36.193 unità, facendo registrare una crescita ponderata complessiva del 78%.
E il fatturato, di conseguenza, è cresciuto del 52%, passando dai 458 milioni del 2022 ai circa 700 milioni di euro del 2023.

Per quanto riguarda i mercati esteri, soprattutto i numeri spagnoli sono destinati a crescere nel 2024. È infatti in corso la costruzione di un’ampia rete di dealer che entro la fine dell’anno andrà a coprire capillarmente la penisola Iberica che, alla luce di ciò, diventerà il secondo mercato per il Gruppo DR Automobiles.
Ma il 2024 sarà un anno ricco di novità per tutto il Gruppo, con l’arrivo di nuovi modelli il lancio di nuovi brand. Ciò comporterà anche un nuovo assetto organizzativo: attualmente il network di vendita italiano conta complessivamente 270 dealer e 350 centri di assistenza per DR ed EVO mentre la rete Sportequipe e X è in piena espansione.

Dal punto di vista industriale è previsto un consistente ampliamento del polo di Macchia d’Isernia, attraverso il progetto di un nuovo impianto di produzione, che andrà ad affiancare i due già operativi, l’ulteriore potenziamento del centro ricerca e del magazzino ricambi. Necessariamente, ci sarà una crescita anche sul piano occupazionale. Attualmente lavorano per il gruppo oltre 500 persone.