L’International Automotive Photography Awards
è un concorso che, grazie a immagini di rara suggestione,
unisce appassionati di belle auto e di belle fotografie

David Masemore. Se vi piacciono le belle automobili e le belle fotografie tenete bene a mente questo nome.
David è infatti il vincitore (con l’immagine che vedete qui sopra) di un concorso molto particolare e affascinante, il cui codice potrebbe essere riassunto così: chi è il più bravo fotografo (di automobili) del reame?
Dopo un primo anno straordinario, con partecipanti provenienti da 47 paesi diversi e oltre
4.000 foto inviate, Bentley è stata orgoglioso sponsor anche della seconda edizione degli International Automotive Photography Awards, un concorso che, grazie a immagini di rara suggestione, unisce appassionati di belle auto e di belle fotografie.
Il concorso è aperto a dilettanti, professionisti e pure a chiunque stia “nel mezzo” e prevede sei categorie di foto: Atmosfera, Bellezza, Motorsport, Phone Photography, Amateur e Candid. Ce n’è davvero per tutti i gusti.

Gli IAP Awards mirano a stabilire e promuovere le migliori fotografie a soggetto automobilistico dell’intero pianeta, riunendo una comunità appassionata di persone che la pensano allo stesso modo e mettendo in mostra una grande varietà di talenti e opere creative.
Dato che certamente ci sarà una terza edizione vale la pena sapere che le iscrizioni possono essere effettuate tramite il sito IAP https://internationalautomotivephotography.com/ e che quest’anno il vincitore ha ricevuto una messe di premi, a partire da una succulenta “Bentley Experience”, una Fujifilm XT-4 con obiettivo 16-80 mm, un corso Gyeon Quartz arricchito da un kit di prodotti, un orologio Unimatic e uno zaino BackStory ThinkTank Photo, nonché l’organizzazione di una mostra personale in Inghilterra… niente male davvero!

La foto di Simon Hamelius, vincitore nella sezione Bellezza, e (a destra) l’immagine di Keith-Sheahan, vincitrice della sezione Car-Spotter

Il direttore delle comunicazioni di Bentley, Wayne Bruce, era coinvolto come a giudice ospite: “Per molti di noi, avvistare belle auto per strada era una passione fin da giovanissimi. Nel celebrare questi giovani artisti, gli IAP Awards ricordano agli aspiranti creativi che la fotografia automobilistica è una forma d’arte accessibile e che chiunque abbia a fotocamera, o anche solo uno smartphone, può uscire per strada e… scattare”.
Oltre a Wayne Bruce la giuria era composta dai fondatori del concorso Hedi Sorsoub, Amy Shore e Drew Gibson, insieme a un gruppo di rinomati fotografi ed esperti di automobili.
Ogni immagine inviata è stata attentamente osservata e molto condivisa sugli account social degli IAP Awards con l’intenzione di condividere un lavoro stimolante e lo sviluppo di una vera comunità.
A co-sponsorizzare i premi insieme a Bentley, sono stati Gyeon, Unimatic e Think Cisterna.

Si è trattato quest’anno solo della seconda edizione degli IAP Awards ma sono giunte una moltitudine di immagini da ben 52 paesi, a conferma che la sete di bellezza è comune a molti anche in questi tempi per molti versi davvero grami.

 

Qui a fianco, in alto, le immagini di Lorenzo Martincich (Motorsport) e di Nick Dungan (a destra) vincitrice della sezione Atmofera.

 

In basso a sinistra la foto di Simon Tasker, migliore tra gli under 18, e a destra il miglior scatto realizzato con uno smartphone, di Mario Drescher.

 

Pure le fotografie selezionate per la prima edizione del concorso non erano affatto male, anche se appare certo che la qualità media sia cresciuta nella seconda edizione. Per la cronaca lo scorso anno l’International Automotive Photography Awards fu vinto da Ben Sager, con l’immagine di una Porsche contro su uno skyline di montagna molto suggestivo. Gli altri scatti premiati (presenti in questa galleria) sono di Jayson Fong, CasperVan-RooijI, Keith Sheahan, Romain Thuillier, Igor Sinitsin e Milos Nikodijevic.