L’innovativa tecnologia BYD Super DM (che significa Dual Mode)
privilegia l’energia elettrica, con un ricorso minimo al motore a combustione.
Maggiore efficienza e consumi ridotti non penalizzano prestazioni e comfort

Ma quale potrebbe essere il marchio automobilistico (tra quelli nuovi che si affacciano sul mercato) più desiderato dai concessionari italiani. In pratica il brand che promette di fare buoni (o perlomeno discreti) affari nella penisola?
La risposta a questa domanda l’ha data il “DealerSTAT 2024”, lo studio di Automotive Dealer Day (il principale evento B2B per il settore mobilità) che punta ad indagare la soddisfazione dei rivenditori nei confronti delle Case.
La rilevazione è avvenuta tra il 13 marzo e il 13 aprile, ha coinvolto ben 34 marchi e il 66% dei dealer italiani, per un totale di 1.401 questionari raccolti.
E, con il 32% delle preferenze, BYD è stato il brand che ha riscontrato il maggiore interesse tra i “nuovi costruttori”. In altre parole: potendo scegliere quale marchio emergente, fra quelli entrati recentemente in Europa, la maggior parte dei concessionari italiani intervistati inserirebbe BYD nel proprio portafoglio.

Si tratta di un risultato per certi versi sorprendente, dato che la Casa cinese non è ancora popolare tra di noi… ma, evidentemente, la pianificazione e i programmi a medio termine che già si intravedono hanno avuto un peso importante al momento della (teorica) scelta.

Fondata nel 2003, BYD Auto è la filiale automobilistica di BYD, una multinazionale dedicata a esplorare e sfruttare le innovazioni tecnologiche. Con l’obiettivo di accelerare la transizione ecologica del settore dei trasporti, BYD Auto si sta concentrando sullo sviluppo di veicoli elettrici puri e ibridi plug-in. L’azienda padroneggia tutte le tecnologie di base dell’intera catena, quali le batterie, i motori elettrici e i controllori elettronici. Recentemente ha inoltre registrato importanti progressi tecnologici, tra cui la batteria Blade e la tecnologia super ibrida DM-i.
L’azienda è la prima casa automobilistica al mondo ad aver interrotto la produzione di veicoli a combustibile fossile ed è rimasta in testa alle vendite di veicoli passeggeri a nuove energie in Cina per ben 11 anni consecutivi.
E proprio sulla tecnologica DM-i (o Super DM) si basa la nuova SEAL U DM-i, arrivata in questi giorni in Europa e in grado di garantire un’autonomia puramente elettrica da 70 a 125 chilometri a seconda dell’allestimento. Ma cosa sarebbe, in poche e chiare parole, questa nuova tecnologia?
È presto detto: BYD Super DM (che significa Dual Mode) privilegia l’energia elettrica, con un ricorso minimo al motore a combustione interna. La marcia è quindi più rispettosa dell’ambiente, con una maggiore efficienza energetica e consumi ridotti, senza penalizzare prestazioni e comfort.

Quando la batteria è completamente carica, selezionando la modalità di guida EV, il veicolo diventa puramente elettrico, mentre quando lo stato di carica è basso, si trasforma automaticamente in un’automobile ibrida a bassissimo consumo di carburante.

Sono disponibili 3 livelli di allestimento per BYD SEAL U DM-i: Design, Comfort e Boost.
La versione Design di BYD SEAL U DM-i (offerta in configurazione a quattro ruote motrici) è dotata di due motori elettrici ad elevata potenza (150 kW all’anteriore e 120 kW al posteriore) e di un’efficiente batteria BYD Blade da 18,3 kWh, affiancati da un motore a benzina, quattro cilindri turbo di 1,5 litri, che produce 96 kW/128 CV e che lavora di concerto con i due propulsori elettrici. La potenza massima totale di sistema è di 238 kW/319 CV e la coppia massima totale di 550 Nm.
Le versioni Boost e Comfort sono invece a trazione anteriore e adottano un motore ibrido di 1,5 litri aspirato che produce 72 kW/96 CV, abbinato ad un motore elettrico da 145 kW/194 CV. La potenza totale del sistema per le versioni Boost e Comfort è di 160 kW/214 CV mentre la coppia massima è di 300 Nm. La versione Comfort ha una batteria BYD Blade più grande, da 26,6 kWh, in grado di regalare un’autonomia 100% elettrica di 125 km.

Tutte le versioni di BYD SEAL U DM-i hanno due modalità di guida: EV e HEV e vale la pena puntualizzare che, in modalità HEV, il veicolo utilizza principalmente l’energia fornita dalla batteria. Soltanto in fase di accelerazione il motore a benzina fornisce ulteriore potenza alle ruote supportando la propulsione elettrica. SEAL U DM-i passa agevolmente da una modalità all’altra e, grazie alle sue tecnologie esclusive, dà la sensazione di essere un veicolo elettrico puro.
Naturalmente la batteria si ricarica parzialmente grazie alla rigenerazione in rilascio e in frenata ma va detto che anche il motore termico ricarica anche la batteria (regolabile tra il 25 e il 70%) in modo che la guida elettrica sia sempre disponibile.

Tutto ciò porta a consumI di carburante estremamente bassi: la SEAL U DM-i può raggiungere consumi medi di appena 0,9 l/100 km per la versione Boost e 1,2 l/100 km per la Design. Il consumo elettrico combinato per la Boost è di 21 kWh/km e 23,5 kWh/km per la Design, mentre in città i consumi si riducono, rispettivamente, a 14,5 e 16,1 kWh/100 km.
La versione Design a trazione integrale può percorrere fino a 70 km in modalità elettrica, garantendo un’autonomia complessiva di 870 km laddove la versione Boost a trazione anteriore offre un’autonomia 100% elettrica di 80 km per un’autonomia totale di 1.080 km.
L’allestimento Comfort (che sarà disponibile dopo l’estate) è dotato di una batteria Blade da 26,6 kWh che permette un’autonomia 100% elettrica di 125 km, per un totale di oltre 1.100 km (tutti questi dati sono stati forniti dalla Casa).
Infine, non va tralasciato il dato relativo alle prestazioni. Con una potenza totale di sistema fino a 238 kW/319 CV, l’esperienza di guida risulta particolarmente dinamica con prestazioni elevate, accelerazioni rapide e grande agilità; si pensi che l’auto scatta da 0 a 100 km/h in 5,9 secondi soltanto.
BYD SEAL U DM-i è equipaggiata di serie con l’esclusiva tecnologia BYD Blade Battery, priva di cobalto, sviluppata internamente con l’obiettivo primario di ottimizzare sicurezza, resistenza, longevità, prestazioni e sfruttamento dello spazio. Il tempo di ricarica in corrente continua (30-80%) è di appena 35 minuti.

Come la versione full-electric, questo nuovo suv cinese è caratterizzato da un frontale a forma di X con un design arrotondato e curvo. I fari a forma di U si inseriscono nel cofano creando un’identità distintiva mentre le doppie lenti ne esaltano l’aspetto high-tech. Le proporzioni equilibrate si estendono sulla fiancata, dove la possente linea di cintura superiore si estende dai fari alle luci posteriori. Il design del posteriore completa la rotondità del frontale dando vita a un’estetica armoniosa e ben proporzionata anche se non originalissima.
All’interno, il BYD SEAL U DM-i emana un’atmosfera premium con un sapiente mix di design moderno ed elegante, superfici morbide al tatto, finiture di discreta qualità e illuminazione ambientale multicolore avvolgente. I sedili, alcune parti del cruscotto, i pannelli delle porte e la console centrale sono rivestiti in pelle vegana con doppie cuciture a contrasto.
Caratteristiche fondamentali come il comfort e la funzionalità si riflettono anche negli ampi sedili anteriori regolabili elettricamente, riscaldati e ventilati di serie. I due grandi schermi digitali contribuiscono all’ergonomia a bordo, grazie alla chiara leggibilità e all’intuitivo funzionamento del touch screen. Il tetto panoramico è apribile elettricamente mentre il filtro interno PM2.5 assicura l’approvvigionamento di aria fresca e pulita.
Lungo 4.775 mm, largo 1.890 mm e alto 1.670 mm, il suv BYD vanta un passo di 2.765 mm e un pavimento piatto, garantendo ampio spazio per le gambe dei passeggeri posteriori. I sedili posteriori possono essere abbattuti separatamente nelle proporzioni 60:40 ampliando così il volume di carico da 425 a 1.440 litri.

SEAL U DM-i offre connettività e infotainment intelligenti, anche a distanza tramite la specifica App per smartphone BYD. L’Intelligent Cockpit System di BYD è gestito dal caratteristico schermo girevole da 15,6 pollici, mentre le informazioni per il conducente sono visualizzate sul display LCD del cruscotto da 12,3 pollici. L’Intelligent Cockpit System offre una connessione 4G, la navigazione integrata Spotify e HERE, l’integrazione dello smartphone tramite Android Auto o Apple CarPlay e il controllo vocale intelligente. In termini di connettività, il BYD SEAL U DM-i fa un ulteriore passo avanti, consentendo di controllare più funzioni del veicolo a distanza tramite l’App BYD direttamente dallo smartphone o altro dispositivo mobile.
Il suv beneficia anche di elevati standard di sicurezza attiva e passive. Oltre all’uso estensivo di acciaio ad alta resistenza (e di una struttura ultra resistente a nido d’ape per proteggere il pacco batterie) BYD SEAL U DM-i offre anche una buona tenuta di strada grazie alle sospensioni anteriori McPherson e multilink posteriori.
Per tenere d’occhio il traffico, avvisare il conducente o addirittura intervenire per aiutare a prevenire un incidente stradale, BYD SEAL U DM-i è dotato di serie di un’ampia gamma di sistemi avanzati di assistenza alla guida che utilizzano cinque radar e una telecamera.
I prezzi del veicolo saranno annunciati a breve, prima del lancio sul mercato e le prime consegne di BYD SEAL U DM-i Boost e Design inizieranno a giugno mentre l’arrivo della versione Comfort è prevista dopo l’estate.